Archivi categoria: Tutorial

Semplice semplice, ma è piaciuto molto!

coprispalle AquilanaEh, sì! Sono felice quando penso che il mio coprispalle, realizzato in lana, traforato, pronto per la primavera, è piaciuto molto e tante di voi, mettendosi in contatto con me tramite varie vie on line, mi hanno chiesto qualche indicazione per la realizzazione.

Intanto spero di riuscire a spiegarmi sufficientemente. E inizio con il proporvi questo schema molto casalingo:

schemaA,B,C,D corrispondono, alla lunghezza della vostra manica (ad esempio potreste anche fare una bella manica a 3/4, tanto di moda!). La lavorazione inizia dalla parte del polsino (il mio è di circa 35 cm.). Ricordate che dovete gradualmente aumentare fino ad arrivare al giro manica, altrimenti non riuscirete ad indossare il coprispalle perchè troppo stretto sulle spalle!

E corrisponde al dietro del vostro lavoro: cioè la distanza tra i due girospalla. Per me è stato di circa 50 cm. Comunque ricordate sempre: metro alla mano!

Si lavora tutto in un pezzo solo. Il punto che ho usato è riprodotto in calce allo schema. E’ molto semplice (anche se io l’ho trascritto a mano e quindi non benissimo! ). Tenete presente che sarebbe opportuno che le maglie di base fossero multipli di 6. Ho scelto questo punto prima di tutto perchè mi piaceva, e poi perchè secondo me è traforato al punto giusto se si usa della lana calda e si indossa il coprispalle durante una mezza stagione.

Terminato il lavoro, cucite A con B e C con D. Avrete così ottenuto le maniche.

Ora dovete lavorare in tondo per tutta la parte E, che alla fine costituirà parte del cortetto sul davanti, il collo e parte del dietro (per coprire meglio la schiena). Io ho usato un punto a ventagli, che bene si presta anche ad un leggero aumento man mano che proseguire il lavoro, in modo tale che il tutto risulti morbido, soprattutto sul davanti e sulla schiena. O comunque utilizzate un punto abbastanza scenografico, ma che non contrasti troppo (soprattutto come consistenza) con il punto utilizzato per realizzare il resto del coprispalle.

La lunghezza di questa ultima parte E dipende da voi, dal vostro gusto e anche dalla vostra conformazione fisica. Personalmente non ho voluto appesantirlo troppo, soprattutto per dare più leggerezza sul collo.
Quindi continuando a lavorare in tondo, ogni tanto provate il capo, così potete avere una chiara idea di come vi sta e quando potrebbe essere ora di chiudere il lavoro.

Che ne dite, può bastare?
Ricordate di mettere in forma il lavoro, sia prima della cucitura delle maniche, sia a lavoro ultimato.

Per ora è tutto! Se avete bisogno di altre indicazioni, sono qui. Ma sono certa che sarete bravissime e che creerete coprispalle più belli, più originali e soprattutto più “vostri”!
Baci sparsi a tutte!!!!!

Annunci

1 Commento

Archiviato in Tutorial

Tutorial: una collana di lana per l’inverno

Sempre direttamente dall’ultima edizione de Il Mondo Creativo, ecco un altro progetto “lanoso” che è piaciuto molto e che si presta per essere anche re-interpretato e proposto come regalo last minute per questo Natale 2013. ❤

collana_Il Mondo CreativoIo adoro le collane di lana! Prima di tutto perché sono molto decorative. Poi perché hanno anche una funzione pratica: scaldano il collo senza ingombrare come una sciarpa. Infine….basta davvero poco per realizzarne una, anche all’ultimo momento, se dobbiamo fare un regalo o cerchiamo qualcosa da abbinare al vestito nuovo e non troviamo nulla nel cassetto.

In questo caso useremo pochi metri di lana naturale al 100% AquiLANA, lana di pecore autoctone dei pascoli di Campo Imperatore – Gran Sasso d’Italia, colore bianco latte, titolo 3:8000. Poi pochi centimetri sempre di AquiLANA, stesso titolo, che però io personalmente ho tinto a mano, in casa, con vino rosso e tintura alimentare verde per dare una speciale sfumatura. Questa lana tinta a mano è un regalo mio personale per tutte voi! (n.b.: sempre uncinetto n. 3,5!)

Per la collana, lavoriamo una lunga catenella, tanto quanto ci piace, ma in modo tale che, una volta chiusa, formi almeno due giri attorno al collo e possa essere infilata senza bisogno di ganci. Chiudiamo la lunga catena e lavoriamo 1 punto basso, 3 catenelle, saltiamo 1 maglia di base, 1 punto basso e via così fino alla fine della catenella di base. Molto semplice, vero?

Per il fiore, abbiamo due opzioni: o lo lavoriamo senza spezzare il filo oppure lo lavoriamo separatamente unendolo poi in un secondo momento, o con una spilla o semplicemente unendo i due fili estremi alla collana. Più facile a farsi che a dirsi! Comunque, prima cosa: doppiamo la catena e stabiliamo il punto esatto dove vogliamo collocare il nostro fiore. Lì o lo lavoreremo poggiando sulla catena già fatta oppure terremo un segno per collocare il fiore in un secondo momento.

Lavoriamo 4 catenelle e chiudiamo a cerchio con mezzo punto basso. Nel cerchio lavoriamo 18 punti alti.
Secondo giro: Cambiamo colore della lana. Iniziamo con 2 catenelle (al posto di 1 punto basso, saltiamo 1 maglia di base e lavoriamo  3 catenelle, 1 punto basso….e via così fino alla fine del giro.
Terzo e ultimo giro: in ogni archetto che abbiamo creato nel giro precedente lavoriamo 1 punto masso, 1 mezzo punto alto, 1 punto alto, 1 mezzo punto alto, 1 punto basso. Via così fino alla fine del giro. Mezzo punto basso e abbiamo terminato così il fiore!

1 Commento

Archiviato in Tutorial

Oggi tutorial: teniamo in ordine le nostre chiavi!

Direttamente dall’ultima edizione de Il Mondo Creativo di Bologna, ecco – come promesso – un altro tutorial di un progetto che ho presentato al workshop dedicato al regali di Natale last minute. ❤

Portachiavi_Il Mondo CreativoCosa ci serve?
Pochi metri di lana (lana pregiata nel nostro caso) e un cerchio qualsiasi per inserire le chiavi: il nostro speciale portachiavi è pronto!
Noi useremo una lana speciale, la lana naturale al 100% AquiLANA, lana di pecore autoctone dei pascoli di Campo Imperatore – Gran Sasso d’Italia. Nel nostro caso, lavoreremo un fiore con una lana bianco latte, titolo 3:8000.
Ci servono poi un uncinetto n. 3,5 e una forbicina.

Lo schema che seguiremo è molto semplice: prima di tutti, 4 catenelle e chiudiamo a cerchio.
Nel cerchio lavoriamo 12 punti alti e chiudiamo il giro con un mezzo punto basso.
Secondo giro: 3 catenelle e 1 punto alto lavorati nella stessa maglia di base, 2 catenelle, saltiamo 1 maglia di base e proseguiamo con 2 punti alti nella stessa maglia di base, 2 catenelle, saltiamo una maglia di base fino alla fine del giro, che chiuderemo con un mezzo punto basso.
Terzo giro: 2 catenelle (al posto di 1 punto basso!), *4 catenelle, saltiamo 2 maglie di base, 1 punto basso. Proseguiamo da * fino alla fine del giro, che chiuderemo con mezzo punto basso.
Quarto e ultimo giro: in ogni archetto formato nel giro precedente, lavoriamo 1 punto basso, 1 catenella, 1 mezzo punto alto, una catenella, 1 punto basso. Alla fine del giro, prima di chiudere il lavoro, lavoriamo 6-7 catenelle per formare il piccolo anello che inseriremo nel portachiavi.
Quindi chiudiamo il lavoro con mezzo punto basso.

L’idea in più
Possiamo usare o inventare qualsiasi forma di fiore. O, invece che un fiore, anche se stilizzato, possiamo realizzare qualsiasi forma geometrica. Spazio alla creatività! Bastano proprio pochi metri di filato.

Alcuni consigli
Ricordiamo sempre di nascondere bene i fili e tagliare quello che avanza. Stendiamo bene il lavoro in modo tale che tenga la forma. Ma con questa lana non avrete nessun tipo di problema!

2 commenti

Archiviato in Tutorial

Ogni promessa è debito. Oggi: tutorial!

Si dice così, vero?
Ebbene, in fiera a Bologna, ha avuto grande successo il segnalibro che ho proposto durante il workshop:

segnalibro_Il Mondo Creativo

Ho donato il tutorial a tutte le amiche che erano presenti, ma desidero condividerlo anche con tutti gli amici e le amiche di Ta-dah!.

E’ davvero facile realizzare questo segnalibro. Due triangoli uniti insieme formano un regalo piccolo, ma prezioso. E poi più sottile è il filato, più prezioso e speciale il nostro segnalibro.
Noi seguiremo uno schema molto semplice. Ma in realtà possiamo personalizzare l’idea di base come vogliamo.
Useremo del Filo di Scozia (ne bastano pochi metri), un uncinetto n. 2,5 e una forbicina.
Il nostro schema è questo:schemaQuando abbiamo realizzato due triangoli uguali, li uniamo con un giro di punto basso, oppure con un giro di catenelle miste a punti bassi, un giro di punti bassi e poi uno di pippiolini…insomma, spazio alla creatività!

L’idea in più
I due triangoli possono anche essere diversi: però dipende dal tipo di filato e dallo schema che si segue. Prima facciamo una prova! I due triangoli devono avere la stessa dimensione finale!

Alcuni consigli
Ricordiamoci di mettere in forma i due triangoli prima di unirli. Inoltre, se possiamo, cerchiamo di utilizzare un filato non troppo grosso, così otterremo un lavoro più raffinato. E se il filato è molto sottile, possiamo anche indurire un pochino il segnalibro, ad esempio con una bella spruzzata di lacca per capelli (semplice, no?).

Ecco qua: un lavoretto semplice, veloce, che può diventare un simpatico ed originale regalo per il Natale ormai alle porte. Cosa ne pensate?
Buon crochet!

p.s.: ecco un piccolo aiuto per leggere lo schema o anche altri schemi a crochet 😉

punti

2 commenti

Archiviato in Tutorial