Rapita.

Da chi? da cosa?

Nelle ultime settimane la mia mente e le mie mani sono state rapite da un vento di novità creativa. Sono sempre troppe le cose che vorrei fare, sperimentare, imparare. Il tempo è sempre poco. Le energie ancora meno…però lo spirito è alto e quindi: andiamo a tessere!!

Al momento ho due telai in casa: uno piccino, che mi sono costruita con del cartone; uno di dimensioni medio-piccole, in legno. Sono in attesa di un telaio più grande!

Grande ma non troppo 😉 insomma…è pur sempre un hobby, non un lavoro. Non posso investire chissà quanto. E poi il tempo per imparare e mettere in pratica è poco. Però mi piace mettermi alla prova, nonostante le imperfezioni, i limiti, …. Fermarsi, mai!!

Sinora ho provato a lavorare sia il cotone sia la lana. Vorrei avere tanto tempo per provare, fare e disfare….ma arrivo a sera stanca…ma sempre motivata, al massimo!

Ora voglio partire con un nuovo piccolo progetto. Nulla da appendere ma… sssshh…vedrete 😉

Annunci

Il candore della perla

Le adoro. Le amo proprio. In ogni loro declinazione. Le perle mi sono entrate nel cuore.

Come in questa collana stile rosario che ho realizzato:

rosario2

Semplice, con lavorazione a crochet (il filo è cotone laminato, davvero una piccola chicca sciccosa 😉 ) e un piccolo pendente anch’esso all’insegna delle perle e dell’alluminio lavorato a mano, molto luccicoso 🙂

Una bella collana lunga, luminosa, leggera, elegante ma non troppo appariscente ❤

Estate, dolce far niente? Nooo!

Assolutamente no! L’estate è sempre stato per me un periodo molto produttivo, soprattutto nel campo creativo. In estate è bello progettare, pensare a cosa fare dall’autunno in poi… Come avrete (spero!) visto da Instagram non mi sono fermata un momento 😉

Intanto, se ve la siete persa, ecco la mia Signorina in una versione più sobria e quasi autunnale:

Signorina4

Con un outfit speciale, in carta filata a mano e il mio amato bozzolo di baco da seta. E un basco scintillante e sbarazzino 🙂

E poi vi voglio mostrare un altro esperimento, sempre con i bozzoli, ma questa volta tinti a mano da me, con colori naturali:

anello_bozzoli.jpg

Un anello in alluminio e bozzoli: cosa ne pensate? Originale, colorato, leggero anche se un po’ ingombrante…..non adatto, insomma, per andare a fare la spesa 😀 ma per il tempo libero sì!!!

La troverete anche in Scarabocchi ad arte, ma intanto ve la presento anche qui: la mia piccola dolce scatolina 3 x 6 cm decorata a mano in stile zentangle ❤

scatolina 6x3.jpg

Un portagioie speciale, perchè può contenere un gioiellino davvero piccino: uno solo, ma importante!

Ebbene sì, ho ripreso anche a disegnare su legno, dopo un piccolo stop. Ho trovato delle scatoline davvero uniche e l’ispirazione è tornata al volo!

Ma se siete curiosi di cosa altro Ta-dah! ha prodotto o ha combinato nelle ultime settimane, seguite il profilo Instagram, con le ultime news!

Quindi follow me & stay tuned! Ta-dah! non si ferma mai!

Fila che ti passa!

Ma bisogna filare veramente! 😉 Che cosa? Ma la carta, ovviamente!!

E come si fa? Diffidate dalle imitazioni o da chi vuole farvi credere che gli “sgorbi” allungati e leggermente arrotolati sono fili di carta filata. La carta si fila con il fuso, esattamente come ogni altro filato. Infatti non tutti i tipi di carta di prestano ad essere filati. O è necessario avere un fuso diverso in base allo spesso della striscia di carta da cui si parte.

Si tratta di un procedimento lungo, bisogna essere precisi ed essere dotati degli strumenti giusti. Se non lo si vuole comprare, è possibile creare anche da sole un fuso (come possiamo leggere qui ), ma il rischio di combinare un pasticcio è elevato. Non tutti i fusi sono uguali e la perfezione dello strumento influisce sul risultato finale: un filo lungo lungo di carta filata bene.

A me piace filare la carta perchè è rilassante. E poi mi diverto a inventare bijoux nuovi, lavorando la carta filata all’uncinetto. Alcuni esempi li avete visti anche sul blog di Ta-dah! o li potete trovare anche su Instagram.

Avete bisogno di qualche tutorial per capire meglio come fare? Youtube ci viene sempre in soccorso. Provate, ad esempio, a guardare qui e qui. Chissà se un giorno mi deciderò di fare un video anch’io…vedrete che otterrete grandi soddisfazioni ❤

E diffidate dalle imitazioni! 😉

Stay tuned!

Non semplicemente carta….

E’ passato tanto tempo dall’ultimo post sul blog. Mi perdonate? Mi sono dedicata soprattutto a Instagram…. se mi seguite lì, avrete scoperto che non sono mai stata ferma un attimo 😉 e che tante idee hanno preso forma!

Non siete ancora miei follower su Instagram???? Malissimo! 😀 Cliccate su Segui e sarete sempre aggiornati su tutto, ma proprio tutto!!! ❤

filaturaOggi vorrei scrivere qualcosa sulla mia passione per la carta, in particolare sulle possibilità innumerevoli che la carta (soprattutto riciclata) offre per creare oggetti assolutamente nuovi, come ad esempio bijoux. Non è cosa facile, soprattutto arrivare a realizzare qualcosa di originale e di gradevole da vedere, da indossare e – per chi lo desidera – anche da vendere.

cartacartaCredo che sia molto importante partire dal concetto di carta filata, come ottenerla e come utilizzarla. Sembra facile. Non è difficile. Ma ci vuole studio, impegno. Non improvvisazione. Come purtroppo osservo in giro per il web. E i risultati (belli e/o brutti) si vedono tutti!!!

La mia maestra ispiratrice è stata Marcella Stilo, che ho scoperto per caso con la sua Cartalana. Ho acquistato il primo fuso……e via!!!!

Ho studiato bene, documentandomi più che potevo su come fosse la tecnica della filatura della carta. Ho fatto prove su prove. Ho sbagliato tanto. Ma ho anche ottenuto poi ottimi risultati.

mareDai risultati ottenuti, ho deciso di provare a fare qualcosa di diverso, cioè lavorare a uncinetto la carta filata a mano con il fuso (anzi, dovrei dire fusi, perchè poi ne ho acquistato un secondo 😉 ). Ma non solo. Ho anche provato a filare insieme carta e cotone….una meraviglia e una grande sorpresa per i risultati ottenuti!

E gli esperimenti non sono ancora finiti! La carta offre tanti spunti, tante idee….e nella mia testa e nel mio piccolo laboratorio ci sono tanti work in progress 🙂

collana carta bianca_2Insomma, nulla si improvvisa. Anche la cosa che può sembrare più banale e scontata, ha bisogno di studio, pratica, passione e anche coraggio. Ad esempio il coraggio di buttare qualcosa che non è riuscito bene (quante volte mi capita!!!!) e il coraggio di sperimentare, sperimentare, sperimentare! Perchè la tentazione di copiare gli altri è forte. Ma i rischi sono tantissimi. Copiare non ripaga mai. La differenza si vede. Prendere ispirazione per partire con nuove idee e nuovi progetti invece è invece stimolante e divertente. E le soddisfazioni non mancano. Ve lo garantisco!!

Questo vale anche quando si ha poco tempo a disposizione. Volere è potere!

Stay tuned!! ❤

Amate perle….

Non potevano mancare – prima o poi – le mie amatissime perle nelle collane di carta che sto realizzando. Piccoli punti luce, piccoli preziosi che contribuiscono ad arricchire collane apparentemente povere. La carta non è mai povera. Anzi, è una miniera continua di creatività, di idee, di nuove opportunità, di nuovi impieghi…

Ricordate che pubblico tutto qui: www.instagram.com/barbarafiorentini_handmade/

Insomma, in questo momento continuo a dedicarmi alla filatura e all’ideazione di monili in carta, possibilmente lavorata a crochet…..

Seguitemi! e datemi suggerimenti 😉