Timida timida…..

….è apparsa su Instagram la mia Signorina ❤

signorina3

Timida? Forse…..

Il nuovo abito? In carta filata, lavorata a crochet. Un abito lungo che fa da contrasto con la seconda gonna: un fiore ricavato da un bozzolo di baco da seta lasciato bianco, nel suo colore naturale.

Un outfit particolare…come è particolare la mia Signorina, a volte spavalda, a volte timida…..le ragazze sono un po’ così! 😉

Cosa ne pensate? Io e la mia Signorina vi salutiamo e vi diamo appuntamento al prossimo post. Stay tuned & follow me!!! smack!

Annunci

Carta e seta

Perchè no? Credetemi, insieme sono una coppia vincente! Come? Guardate qui:

seta_carta

Questa collana è frutto dell’unione di

  • carta filata e lavorata a uncinetto, per creare un mix floreale unico e particolare;
  • bozzoli di bachi da seta, lasciati al naturale ma trasformati a mano prchè si trasformino in delicati fiori candidi;
  • una catena rivestita di seta bianca, che avvolge il collo quando indossiamo la collana;
  • e per finire belle perle bianche che completano e arricchiscono i fiori creati con i bozzoli.

Cosa ne pensate??? Il risultato è una collana unica veramente nel suo genere, elegante, leggera, particolare, ecosostenibile e molto creativa! 😉

Io l’adoro ❤ così come adoro i lavoretti che condividerò con voi prossimamente 🙂

Insomma, non pensate anche voi che seta e carta vadano perfettamente d’accordo tra di loro? 🙂

Alla prossima e stay tuned, anche su Instagram!!!

La mia Signorina

Vi presento la mia Signorina:

signorina1

Un po’ vezzosa, elegantina, va a passeggio con la sua borsettina e un fiocchetto in testa.

E’ alta solo 9 cm, ma ha il suo bel caratterino 😀

L’ho vestita con un abitino realizzato a uncinetto con carta filata. Così come la borsettina (una borsettina minuscola ma vera! può contenere però solo un cecio piccino! 😉 ) e il fiocchetto sui capelli.

signorina2

Cosa ne pensate?? Magia della carta!! e ovviamente dell’uncinetto, mio amico inseparabile ❤

Ma la mia Signorina la rivedrete ancora, con altri outfit e quindi…seguitemi e seguite la mia Signorina 😉

 

( …e ricordate sempre Instagram !)

 

Fila che ti passa!

Ma bisogna filare veramente! 😉 Che cosa? Ma la carta, ovviamente!!

E come si fa? Diffidate dalle imitazioni o da chi vuole farvi credere che gli “sgorbi” allungati e leggermente arrotolati sono fili di carta filata. La carta si fila con il fuso, esattamente come ogni altro filato. Infatti non tutti i tipi di carta di prestano ad essere filati. O è necessario avere un fuso diverso in base allo spesso della striscia di carta da cui si parte.

Si tratta di un procedimento lungo, bisogna essere precisi ed essere dotati degli strumenti giusti. Se non lo si vuole comprare, è possibile creare anche da sole un fuso (come possiamo leggere qui ), ma il rischio di combinare un pasticcio è elevato. Non tutti i fusi sono uguali e la perfezione dello strumento influisce sul risultato finale: un filo lungo lungo di carta filata bene.

A me piace filare la carta perchè è rilassante. E poi mi diverto a inventare bijoux nuovi, lavorando la carta filata all’uncinetto. Alcuni esempi li avete visti anche sul blog di Ta-dah! o li potete trovare anche su Instagram.

Avete bisogno di qualche tutorial per capire meglio come fare? Youtube ci viene sempre in soccorso. Provate, ad esempio, a guardare qui e qui. Chissà se un giorno mi deciderò di fare un video anch’io…vedrete che otterrete grandi soddisfazioni ❤

E diffidate dalle imitazioni! 😉

Stay tuned!

Pomodorini al bacio!

L’estate è la stagione in cui il loro gusto viene esaltato all’ennesima potenza! I pomodori sono straordinari, hanno poche calorie, ricchi di proprietà benefiche per il nostro fisico e…perchè no? anche per il nostro palato! 😉

Quest’estate mi sono preparata un po’ di pomodorini confit ❤ una goduria per il palato!

confitLa ricetta? Semplicissima. Ho usato dei datterini dolcissimi, li ho lavati, sbollentati per pochi secondi e velocemente pelati. Quindi lo ho posti su carta forno e via! in forno ventilato, a bassissima temperatura. Non prima di averli cosparsi di un poco di zucchero a velo (per togliere la pochissima acidità che il pomodoro ben maturo comunque conserva anche in questa stagione; ma se voltete, potete anche non mettere lo zucchero) e messo accanto a loro, nella teglia qualche spicco d’aglio, aromi di ogni tipo (ad esempio timo fresce e tutto quello che avete sotto mano!), qualche pezzetto di zenzero (pelato! lo adoro…..). Il tutto per farsi sì che gli aromi sprigionati vengano assorbiti dai pomodori, che pian piano perdono la loro acqua e si disidratano, pur conservando la loro morbidezza.

Intanto che i pomodorini sono nel forno ho preparato dell’olio evo con dentro gli stessi aromi messi nel forno con i pomodori; l’ho fatto riscaldare (non friggere, mi raccomando!!! deve solo scaldarsi un po’!!); quindi raffreddare; l’ho filtrato.

Una volta pronti i pomodorini (con il mio forno ho impiegato un’oretta circa), ho invasato i pomodorini insieme all’olio preparato.

I pomodorini confit saranno ottimi sulle bruschette; straordinari per fare un sugo veloce per un piatto di pasta; l’olio può essere utilizzato per condire insalate, bruschette, una pasta in bianco, carne alla griglia….insomma la semplicità in cucina diventa bontà assoluta!

Provate! ❤

Non semplicemente carta….

E’ passato tanto tempo dall’ultimo post sul blog. Mi perdonate? Mi sono dedicata soprattutto a Instagram…. se mi seguite lì, avrete scoperto che non sono mai stata ferma un attimo 😉 e che tante idee hanno preso forma!

Non siete ancora miei follower su Instagram???? Malissimo! 😀 Cliccate su Segui e sarete sempre aggiornati su tutto, ma proprio tutto!!! ❤

filaturaOggi vorrei scrivere qualcosa sulla mia passione per la carta, in particolare sulle possibilità innumerevoli che la carta (soprattutto riciclata) offre per creare oggetti assolutamente nuovi, come ad esempio bijoux. Non è cosa facile, soprattutto arrivare a realizzare qualcosa di originale e di gradevole da vedere, da indossare e – per chi lo desidera – anche da vendere.

cartacartaCredo che sia molto importante partire dal concetto di carta filata, come ottenerla e come utilizzarla. Sembra facile. Non è difficile. Ma ci vuole studio, impegno. Non improvvisazione. Come purtroppo osservo in giro per il web. E i risultati (belli e/o brutti) si vedono tutti!!!

La mia maestra ispiratrice è stata Marcella Stilo, che ho scoperto per caso con la sua Cartalana. Ho acquistato il primo fuso……e via!!!!

Ho studiato bene, documentandomi più che potevo su come fosse la tecnica della filatura della carta. Ho fatto prove su prove. Ho sbagliato tanto. Ma ho anche ottenuto poi ottimi risultati.

mareDai risultati ottenuti, ho deciso di provare a fare qualcosa di diverso, cioè lavorare a uncinetto la carta filata a mano con il fuso (anzi, dovrei dire fusi, perchè poi ne ho acquistato un secondo 😉 ). Ma non solo. Ho anche provato a filare insieme carta e cotone….una meraviglia e una grande sorpresa per i risultati ottenuti!

E gli esperimenti non sono ancora finiti! La carta offre tanti spunti, tante idee….e nella mia testa e nel mio piccolo laboratorio ci sono tanti work in progress 🙂

collana carta bianca_2Insomma, nulla si improvvisa. Anche la cosa che può sembrare più banale e scontata, ha bisogno di studio, pratica, passione e anche coraggio. Ad esempio il coraggio di buttare qualcosa che non è riuscito bene (quante volte mi capita!!!!) e il coraggio di sperimentare, sperimentare, sperimentare! Perchè la tentazione di copiare gli altri è forte. Ma i rischi sono tantissimi. Copiare non ripaga mai. La differenza si vede. Prendere ispirazione per partire con nuove idee e nuovi progetti invece è invece stimolante e divertente. E le soddisfazioni non mancano. Ve lo garantisco!!

Questo vale anche quando si ha poco tempo a disposizione. Volere è potere!

Stay tuned!! ❤